WWW.ARCHIVIOTORO.IT
info@archiviotoro.it
errori@archiviotoro.it
Comunale
04/11/1979
h.14.30
TORINO - INTER 0-0
Torino
: Terraneo, Volpati, Vullo, Sala P., Danova, Masi, Sala C., Pecci, Graziani, Greco (al 59' Mandorlini), Pulici. A disposizione: Copparoni, Mariani. All.: Radice.
Inter: Bordon, Canuti, Baresi, Pasinato, Mozzini, Brini, Caso, Marini, Altobelli, Oriali, Muraro. A disposizione: Cipollini, Pancheri, Ambu. All.: Bersellini.
Arbitro: Agnolin di Bassano del Grappa.
Reti: -
Spettatori: 47.001 di cui 11.583 abbonati e 35.418 paganti.
Note: Giornata di pallido sole, temperatura fredda, terreno leggermente appesantito. Sugli spalti sono assenti striscioni e tamburi e non si registrano lanci di petardi. Prima dell'inizio della gara si è osservato un minuto di silenzio in memoria del tifoso laziale Paparelli ucciso la scorsa settimana sugli spalti durante Roma-Lazio. Ammoniti Altobelli, C.Sala e Vullo. Sorteggio antidoping per Vullo, Graziani, Pulici, Bini, Pasinato e Altobelli.
Cronaca
[Tratto da La Stampa del 5 novembre 1979]
L'Inter ha fatto sentire subito al Torino la sua forza: già al secondo minuto, su punizione calciata dalla destra con potenza da Pasinato, Canuti saltava più alto di tutti e di testa colpiva secco, mandando la palla di poco alta sulla traversa. I granata cercavano di replicare, ma il loro ritmo si rivelava immediatamente troppo blando per controre con efficacia la organizzatissima e rapida capolista. Così al 9° era ancora l'Inter a farsi pericolosa: cross di Muraro da sinistra. Volpati solo a ballare fra Altobelli e Caso, il secondo che tentava il tiro al volo ma sbagliava la mira. Il Torino ha replicato con rabbia. Masi ha iniziato la sua splendida partita con un anticipo secco su Pasinato, lanciando Claudio Sala il cui cross verso Pulici è stato schiacciato dall'ala per Graziani, troppo accentrato per cogliere l'invito. I cambi di fronte erano continui, ma nettamente più rapidi i contrattacchi dell'Inter. Ancora un brivido per Terraneo al 23° (cross basso di Baresi da sinistra, Volpati che sfiora.. quasi con il braccio), poi lo stesso Volpati toccava per Greco il cui lancio per Graziani non era sfruttato dal centravanti, pressato da Mozzini. Una bella manovra Masi - Patrizio Sala - Graziani, era spezzata da Canuti che anticipava Vullo pronto al tiro, quindi ripartivano i nerazzurri. Orlali lanciava in profondità, si avventavano Muraro e Altobelli, Terraneo in uscita li contrava ma la sfera rimpallava su Muraro stesso e Volpati la allontanava dall'area. Masi bloccava un altro pericoloso contropiede nerazzurro inserendosi fra Muraro e Altobelli, quindi al Torino riusciva il primo affondo in velocità: Claudio Sala allargava per Vullo che andava al cross, il capitano al centro batteva al volo e Pasinato deviava fortunosamente in angolo la staffilata indirizzata all'incrocio, alla destra di Bordon. Il finale del tempo era granata. Deviazione alta di testa di Graziani su. centro di Patrizio Sala, staffilata trasversale dello stesso Patrizio Sala - lanciato da Graziani - che finiva fuori sfiorando il palo opposto, ancora alla destra di Bordon. In risposta, su lancio di Pasinato e «ponda di Muraro, Altobelli finiva in fuorigioco. Pronto il fischio di Agnolin, il centravanti calciava lo stesso e segnava, pagava la prodezza con una ammonizione. Le emozioni, già rare, diminuivano ancora nella ripresa, con le due squadre attente soprattutto alla copertura. Una parata di Bordon su colpo di testa di Pulici, una stoppata di forza (fallo, ma utile) di Masi - chi dice che non ha grinta? - sul lanciatissimo Pasinato, un cross di Vullo (al 23°) sul quale Pulici non scattava in tempo, qualche contropiede nerazzurro ben bloccato. Radice intanto, al 14°, aveva sostituito Greco con Mandorlini opponendolo prima a Caso quindi a Pasinato, il Torino premeva di più ma non trovava sbocchi. L'Inter reagiva nel finale, venivano ammoniti Claudio Sala (fallo su Baresi) e Vullo (intervento duro ancora su Baresi), l'ultima azione pericolosa era dei nerazzurri, ancora promossa da Pasinato il quale concludeva l'affondo sulla destra con un cross lungo che Orlali toccava di piatto verso la porta. Respingeva Volpati, anticipando Masi, e sul contrattacco granata bloccato da Marini il fischio di Agnolin chiudeva un match combattuto, ma piuttosto scarso di gioco.