WWW.ARCHIVIOTORO.IT
info@archiviotoro.it
errori@archiviotoro.it
Comunale
04/03/1987
h.20.45
TORINO - TIROL INNSBRUCK 0-0
Torino
: Copparoni, Rossi, Francini, Zaccarelli, Junior (all'82' Lerda), Ferri I, Beruatto, Kieft, Cravero, Dossena, Comi. All.: Radice.
Tirol Innsbrück: Ivkovic, Steinbauer, Auer, Kalinic, Messlender, Pacult (al 79' Streiter), Idl, Koreimann, Roscher, Müller, Spielmann. All.: Latzke.
Arbitro: Ponnet (Belgio).
Reti: -
Spettatori: 40.557 paganti per un incasso di 556.511.000 lire.
Note: Ammoniti Messlander, Ivkovic, Beruatto, Auer.
Cronaca
[Tratto da La Stampa del 5 marzo 1987]
Il Toro ha reagito al momento difficile ritrovando grinta e gioca ma non i gol. Un rigore di Comi e una botta di Dossena sono rimbalzati contro i legni della porta di Ivkovic, vanificando una pressione continua, dopo la fase iniziale che aveva visto 1 granata in difficolta, forse increduli persino di poter ritrovare cosi presto tutto il loro slancio. Le polemiche della vigilia non hanno toccato la squadra, che ha dimostrato grosse capacità di reazione anche se lo zero a zero inevitabilmente complica moltissimo il passaggio del turno. Per settanta minuti la squadra di Radice ha tenuto in pugno la partita con assoluta sicurezza, e la difesa del Tirol ha dovuto far ricorso a tutte le sue energie fisiche per fronteggiare la ficcante manovra degli avversari che è stata vivacizzata in modo determinante dagli inserimenti di Cravero e soprattutto del magnifico Francini. Il match è stato duro, con una partenza ''cattiva'', un botta e risposta carognesco tra Kieft e Messlender, prima che l'arbitro belga Ponnet prendesse in pugno con autorità la situazione per controllarla sino alla fine con una sola pecca: uno stop a Dossena per un fallo a favore, quando il granata stava puntando dritto sulla porta avversaria. Per venti minuti, i primi, il Torino ha faticato ad entrare in partita, come se la squadra avesse ancora addosso le scorie della crisi di gioco, e le insidie provocate dalle tensioni della vigilia. In avvio il Tirol sembrava tatticamente padrone del campo, con i corazzieri (da destra a sinistra) Auer, Messlender, Kalinic e Korelmann in linea davanti al portiere Ivkovic. Hansi Mueller era a centrocampo a fare da regista, Pacult (con addosso Francini), il potente Roscher marcato da Ezio Rossi e Spielmann contrastato da Ferri flottavano sul fronte offensivo. Pericolosi gli inserimenti dalle retrovie in particolare del giovane Idl, il quale sapeva filtrare tra Cravero e Junior. Ma quando i granata hanno cambiato ritmo, portando sotto soprattutto uno strepitoso Franclni, Cravero, i centrocampisti, con ''diversivi'' che sorprendevano non poco il blocco della retroguardia austriaca che dedicava le sue attenzioni soprattutto a Kleft e Comi, la partita ha cambiato volto. Zaccarelli spingeva dalle retrovie, Junior e Dossena trovavano spazio per i lanci, il Tirol entrava in chiara sofferenza ed era salvato dagli errori granata nelle conclusioni. Dopo le sicure risposte Iniziali di Copparoni alla punizione di Pacult e alla botta in corsa di Roscher (11') a conclusione di una manovra verticale iniziata da Mueller e proseguita dal solito Idl, il periodo granata era punteggiato da azioni furenti, insistite, che creavano grossi rischi per Ivkovic. L'ultimo quarto d'ora del primo tempo era un fuoco di fila. Se al 30' Comi non poteva arrivare, di poco, a concludere su un pallone centrato da Junior e allungato di testa da Cravero, tre minuti dopo Dossena smarcava Francini il quale, bloccato da Korelmann, toccava per Comi il cui tiro rimbalzava sul portiere. Fiacca al 34' la conclusione in corsa di Junior su suggerimento dalla sinistra di Kleft. Allo scadere dei 45' l'azione più pulita toccava ancora a Francini: centro dalla destra, sponda di Comi, conclusione del terzino addosso a Ivkovic. L'assalto granata continuava nel secondo tempo, la squadra di Radice aveva preso completamente le misure dell'avversario. Fuori, subito, una botta di Junior. Falliva al 3' la conclusione Dossena dal fondo destra. Su centro di Beruatto, Franclni e Ivkovic volavano scontrandosi a due metri dalla linea di porta. All'B' su lancio di Dossena entrava dalla destra Cravero il quale si liberava per il tiro ma veniva atterrato da Auer. Rigore, e ammonizione per il portiere che protestava. Il bolide di Comi dal dischetto rimbalzava violentemente contro il montante alla destra di Ivkovic. La delusione non frenava i granata, ma il loro slancio era spesso bloccato dagli ostruzionismi austriaci, che rallentavano le rimesse e prolungavano le soste ad ogni scontro. E rallentava anche il ritmo granata il muoversi lento di Kleft, anticipato spesso dagli avversari. Era ancora Francini l'anima di molti affondo, mentre Junior e Dossena scambiavano continuamente di posizione. Dossena in progressivo crescendo al 18' bucava in dribbling la difesa sulla destra, ma la sua splendida botta trasversale mandava il pallone contro la traversa. Mischie furiose si accendevano davanti al bravo Ivkovic, la pressione granata è continuata sino al 90'. Tiri di Junior, Comi, Dossena e Cravero hanno ancora impegnato a fondo il portiere austriaco, davanti al quale i corazzieri della linea difensiva hanno saputo reggere vanificando l'enorme sforzo granata. Il Torino ha rischiato in conclusione di essere beffato su contropiede, ma Copparoni è stato bravissimo a rispondere in tuffo.